Incidenti stradali che coinvolgono i bambini: una tensione mentale speciale

mag 2019

Il Fattore Umano

Bambola sulla strada
Incidenti stradali che coinvolgono i bambini: una tensione mentale speciale

Le esperienze lo mostrano ancora e ancora: gli incidenti stradali causano forti stati di ansia e impotenza nei bambini, indipendentemente dal fatto che li vivano da testimoni o che siano direttamente coinvolti. Di particolare importanza è il pericolo percepito soggettivo dal bambino e meno la gravità delle lesioni subite.

Al momento e immediatamente dopo un incidente, attraversa uno stato mentale di agitazione, che provoca il rilascio di grandi quantità di ormoni dello stress. I bambini rispondono sempre più spesso con pianto, urla, aggressività, tremore e vertigini. A seconda della gravità della lesione, corrono eccitati intorno o lontano dalla scena dell’incidente. Alcuni bambini presentano una forte necessità di parlare: vogliono riportare immediatamente l’esperienza. Altri, invece, rimangono ammutoliti. Sono improvvisamente completamente immobili, incapaci di muoversi e si chiudono in loro stessi. Ciò può dare inizialmente l’impressione di una totale indifferenza all’incidente. Tuttavia, questo è solo un meccanismo protettivo per non essere completamente sopraffatti dall’esperienza.

Per i bambini, la vista di morti, sangue, ferite e vomito e altre tracce di un incidente, come segni di scivolamento su una strada, sono particolarmente stressanti. In particolare, odori acuti, pungenti o sconosciuti sono percepiti più intensamente dai bambini che dagli adulti e possono causare ansia, mal di testa e nausea.

Se un bambino rimane ferito in un incidente stradale, percepisce il dolore. Tuttavia, la percezione soggettiva del dolore varia notevolmente. In particolare, i bambini più piccoli possono effettivamente classificare le lesioni minacciose come innocue, mentre le lesioni banali come ferite superficiali possono essere vissute come estremamente minacciose. Temendo di aggravare la situazione, doversi aspettare trattamenti dolorosi o essere rimproverati, i bambini più piccoli, in particolare, tendono a non affrontare il dolore e i pensieri angoscianti. Questo deve essere preso in considerazione quando si valuta la condizione di un bambino.

Se durante l’incidente stradale è presente una persona di riferimento di fiducia, i bambini si sentono molto più al sicuro, mentre l’esperienza è percepita come più stressante senza tale riferimento. Più si comportano in modo tranquillo e rilassato le persone di riferimento durante e subito dopo un incidente, più i bambini affrontano al meglio l’esperienza.

Se i bambini sono vittime di un incidente, questo è particolarmente scoraggiante per le altre vittime dell’emergenza e per i parenti, in primo luogo per i loro genitori. Spesso, la questione della colpevolezza è di fondamentale importanza per le persone direttamente coinvolte nell’incidente e le persone interessate. Anche i testimoni oculari che hanno assistito a un incidente possono rimanere pesantemente colpiti. Tuttavia, poiché non c’è alcun attaccamento emotivo personale con la vittima, generalmente non hanno bisogno dello stesso livello di supporto psicologico dei parenti.

Sviluppo delle tensioni mentali dei bambini dopo un incidente

In linea di massima, bambini e anziani corrono il maggior rischio di subire traumi patologici dopo un evento psicologicamente stressante. I bambini più piccoli sono generalmente più fortemente sottoposti a stress rispetto ai più grandi, perché sono meno emotivamente concentrati e mancano delle strategie di elaborazione basate sull’esperienza. I bambini traumatizzati possono sviluppare disturbi dello sviluppo emotivo, sociale e psicomotorio. Le conseguenze emotive nel breve termine, oltre a una reazione acuta allo stress, possono includere anche ansia, rabbia, vergogna, dolore e apatia. Dopo l’incidente, i pensieri ruotano spesso attorno a quello che è successo. Come per gli adulti, i ricordi possono ripresentarsi e causare disturbi del sonno. Inoltre, si registra spesso una mancanza di concentrazione e, forse, un calo nelle prestazioni scolastiche. Non di rado, dopo un incidente, cambiano le abitudini alimentari: come sempre dopo un’esperienza traumatica, i bambini perdono o prendono peso.

In uno studio condotto dall’Akademie Bruderhilfe, il 38% dei bambini coinvolti in un incidente stradale presentava ancora sintomi di disagio psicologico dopo quattro anni. Ancora, il 37% di questi bambini ha continuato a vivere situazioni di ansia nel traffico. Il 30% dei bambini esaminati lamentava disturbi del sonno, il 16% frequenti incubi e irrequietezza. I problemi di concentrazione sono sorti per il 21% mentre le prestazioni scolastiche sono peggiorate per il 16%. Il 12% dei bambini ha mostrato aggressività e scoppi di rabbia. Sono state osservate diverse altre conseguenze, alcune delle quali molto tempo dopo l’incidente stradale.

Possono svilupparsi attacchi d’ansia, di panico o depressione

Nel lungo termine, sussiste il rischio di disturbi di adattamento, isolamento sociale, specifici comportamenti compulsivi, eruzione cutanea, cefalea, ulcere, disturbi digestivi e infezioni. Le dipendenze da alcol, nicotina e altre droghe possono manifestarsi soprattutto negli adolescenti. In particolare nei bambini, i sintomi psicologici possono manifestarsi dopo un incidente stradale con notevole ritardo. Se un bambino inizialmente si comporta come se non fosse accaduto nulla, ciò non garantisce che non abbia subito alcun trauma psicologico. Le conseguenze psicologiche di un incidente pediatrico sono spesso sottostimate da genitori e insegnanti, venendo meno così l’assistenza necessaria. Un simile trauma psichico non elaborato comporta il rischio di sviluppare ulteriori disturbi mentali più avanti nella vita.

In generale, alcuni bambini, tuttavia, sono perfettamente in grado di elaborare bene l’esperienza. Una vita familiare sana e legami esistenti e di fiducia con persone di riferimento adulte e amici riducono lo stress psicologico e promuovono l’elaborazione dell’esperienza. È particolarmente utile se il bambino decide di parlare apertamente con le persone di riferimento di pensieri e sentimenti e accetta offerte di aiuto. Anche l’esperienza e la gestione di un’emergenza possono avere un impatto positivo come, ad esempio, il consolidamento interiore, la maturità sociale e il senso di responsabilità.

In linea di principio, i bambini possono essere supportati da misure psicologiche di emergenza a seguito di un incidente stradale. Al fine di adottare misure appropriate, è importante riconoscere in anticipo quali bambini sono a rischio di sviluppare un disturbo post-traumatico. Al più tardi, se i sintomi post-traumatici persistono per più di quattro settimane o se un bambino soffre in modo particolarmente grave, deve essere richiesto un aiuto terapeutico.

Condividi pagina