Promuovere l’indipendenza del bambino nella circolazione stradale

mag 2019

Il Fattore Umano

Bambini con giubbotto di sicurezza
Bambini con giubbotto di sicurezza

Per promuovere un comportamento sicuro del proprio bambino nel traffico, i genitori possono ricorrere a diverse opzioni. Pertanto, gli intervistati dovevano fornire inoltre informazioni sulla loro propensione alle possibilità disponibili. La menzione più frequente era il fatto che, in qualità di genitore, si dovrebbe essere un modello di ruolo per il bambino, ad esempio rispettando rigorosamente le norme stradali (82%). Da un punto di vista psicologico, questa è anche l’opzione migliore, dal momento che per ogni bambino imparare ispirandosi ai propri genitori ha la massima importanza. Anche educare il bambino direttamente ai pericoli del traffico riveste un ruolo importante (80%). Sarebbe ancora più importante in questo contesto, tuttavia, aiutare attivamente il bambino a muoversi nei punti di pericolo nel traffico facendo pratica insieme. Questo è realizzato dal 79% degli intervistati. Anche la condivisione e la prova di tragitti comuni, come il tragitto verso la scuola o il campo sportivo, a piedi o in bicicletta, è visto come un mezzo importante per aumentare l’indipendenza e il comportamento sicuro dei bambini (80%).

Il 73% la considera una misura molto importante per promuovere un comportamento stradale sicuro nell’istruzione dei bambini sull’importanza della segnaletica stradale o dei passaggi pedonali. Circa due terzi degli intervistati hanno dichiarato che tali misure sono molto importanti per allenare la sicurezza dei bambini alla guida di biciclette o scooter (69%) o per definire, insieme al bambino, un tragitto casa-scuola adeguato per l’utilizzo regolare (67%).

In relazione a tutte le esercitazioni pratiche, le donne hanno affermato più frequentemente degli uomini di considerare le misure molto importanti al fine di promuovere un comportamento sicuro dei bambini sulla strada. Inoltre, il 60% degli intervistati ha ritenuto opportuno offrire al bambino un abbigliamento vistoso, in modo che gli altri utenti della strada possano notare il bambino nel traffico. I genitori di bambini più piccoli erano particolarmente propensi a considerare questa misura. Sarebbe auspicabile promuovere ulteriormente questa misura per i bambini di tutte le età su tutti i livelli.

Alla domanda su quale di queste opzioni hanno già utilizzato per promuovere il comportamento sicuro dei bambini sulla strada, dal 70 all’85 percento degli intervistati, a seconda della misura, ha dichiarato di educare già i propri figli sui punti di pericolo e sulla segnaletica stradale, oltre a fare pratica su situazioni pericolose o esercitarsi sulla sicurezza del bambino alla guida di scooter o biciclette. In particolare, quest’ultima è di particolare importanza sullo sfondo del rischio elevato di lesioni dei bambini in sella a una bici.

Il 70% degli intervistati ha stabilito un tragitto casa-scuola con il proprio figlio. Il 60% ha dichiarato di far indossare un abbigliamento vistoso ai propri figli in modo che gli altri utenti della strada possano individuarli sulla strada. Nel complesso questa opportunità di aumentare la visibilità è ancora poco utilizzata.

Solo pochi intervistati hanno usato film o contributi alla sicurezza stradale o un “tappeto da gioco con cartina stradale”. Le donne tendono a riferire più spesso degli uomini di aver utilizzato varie opzioni per promuovere il comportamento sicuro dei propri figli sulla strada.

Tutto sommato, si può vedere che nel campione l’argomento “Taxi genitore” riguarda meno di un quarto dei genitori. Tre quarti si fidano che i loro figli si dirigano a scuola con i messi pubblici o a piedi e adottano inoltre provvedimenti per aiutare i loro figli a sviluppare le competenze di cui hanno bisogno. Ciò avviene, in particolare, attraverso esercizi pratici come gestire insieme i tragitti, attirare l’attenzione ai punti di pericolo e alla segnaletica stradale, nonché allenare le competenze di guida su bici o scooter. Sarebbe auspicabile aumentare la sicurezza attiva, ad esempio facendo indossare indumenti riflettenti a bambini di tutte le età.

Opinioni sul tragitto casa-scuola dei bambini dal punto di vista del resto della popolazione

Inoltre, è stato chiesto in che modo i cosiddetti Taxi Genitori fossero visti dal punto di vista delle persone senza figli in età scolare. Non è stato distinto se nelle rispettive famiglie non fossero o meno presenti bambini in età scolare. Qui il sondaggio si limitava ai bambini delle scuole elementari. Solo pochi intervistati (l’11%) senza figli in età scolare si trovano generalmente d’accordo quando i genitori dei bambini della scuola primaria portano i loro figli a scuola in auto al mattino. I sostenitori hanno citato, tra i motivi accettabili, un tragitto casa-scuola sovraffollato con situazioni di traffico confuse (70%), il pericolo di molestie da parte di estranei (68%) e risparmio in termini di tempo (60%). La stragrande maggioranza degli intervistati senza figli in età scolare (86%), tuttavia, ha dichiarato che i bambini non dovrebbero essere portati a scuola in auto se possibile.

La loro argomentazione principale: i bambini dovrebbero imparare a gestire il tragitto verso la scuola in modo indipendente e sicuro (90%). Il 77 percento ha inoltre affermato che i bambini dovrebbero andare a scuola insieme ad altri bambini e socializzare. Il 61 percento considera l’uso dell’auto un peso per l’ambiente e per i residenti locali. Questo è più significativo che nel sottogruppo di genitori con figli in età scolare (23 percento). La presenza di una buona rete di trasporti pubblici nella maggior parte delle città e paesi è stato citato dal 40 percento come argomento contro il “Taxi genitore”. Il 37 percento trova troppo pericoloso quando tutti i genitori portano il proprio figlio a scuola in auto.

L’accettazione dei cosiddetti Taxi genitori da parte di chi non ha figli è quindi estremamente bassa. Oltre ai genitori che non portano i loro figli a scuola, sostengono l’opportunità di sviluppare le capacità e le competenze che compiere autonomamente il tragitto casa-scuola offre ai bambini.

Condividi pagina