Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Adeguamento del comportamento di guida alla situazione del traffico

mar 2019

notizie e azioni

EU Logo

Già oggi i veicoli sono connessi sotto molti aspetti. Molto presto, tuttavia, inizieranno anche ad interagire e verranno integrati in un sistema di mobilità cooperativo, connesso e automatizzato. Questa interazione costituisce l’ambito di impiego dei sistemi di trasporto intelligenti cooperativi (C-ITS). La nuova tecnologia permetterà ai veicoli di “dialogare” gli uni con gli altri, con l’infrastruttura stradale e con altri utenti della strada, e di scambiare informazioni concernenti, ad esempio, la presenza di situazioni pericolose, di lavori stradali e la regolazione delle fasi semaforiche. Il risultato sarà un traffico stradale più sicuro, pulito ed efficiente.

Le nuove norme varate nel marzo 2019 dalla Commissione Europea per l’introduzione di sistemi C-ITS costituiscono un ulteriore passo avanti per la modernizzazione del settore della mobilità europeo e, al contempo, si inseriscono nel percorso di preparazione alla neutralità climatica che dovrà essere raggiunta nella seconda metà di questo secolo. Contribuiscono inoltre al raggiungimento dell’obiettivo a lungo termine dell’UE di azzerare il numero dei morti e dei feriti gravi sulle strade entro il 2050 (“Vision Zero”). Già da quest’anno i veicoli, la segnaletica stradale e le autostrade verranno dotati della tecnologia necessaria per inviare messaggi standardizzati a tutti gli utenti della strada.

Nelle specifiche vengono definiti i requisiti minimi di interoperabilità tra i diversi sistemi cooperativi utilizzati. L’interoperabilità consente a tutte le stazioni C-ITS attrezzate di scambiare messaggi con altre stazioni in modo sicuro all’interno di una rete aperta. Secondo l’opinione della Commissione Europea, la connettività digitale tra i veicoli nonché tra i veicoli e l’infrastruttura stradale dovrebbe contribuire a migliorare sensibilmente la sicurezza stradale, l’efficienza del traffico e anche il comfort di marcia. Il conducente, infatti, viene aiutato a prendere le decisioni giuste e ad adeguare il proprio comportamento di guida alla situazione del traffico.

Condividi pagina