Guidare nella stagione fredda

gen 2021

Das ganze Fahrzeug von Eis und Schnee befreien

D’inverno si deve guidare con particolare prudenza. Di norma, si deve mantenere una maggiore distanza di sicurezza dal veicolo che precede. Se la strada è bagnata, innevata o, ancora peggio, ghiacciata, lo spazio di frenata diventa notevolmente più lungo. In media, a 50 km/h lo spazio per una frenata d’emergenza di un’automobile sull’asciutto è di circa 14 metri; su fondo innevato o ghiacciato lo spazio può essere del doppio o oltre, avverte DEKRA. Inoltre è possibile che neve o ghiaccio si stacchino da un veicolo che precede. In caso di grosse lastre di ghiaccio provenienti dal tetto dei camion, se non si è mantenuta una distanza sufficiente il rischio che accada qualcosa di grave è molto elevato. Occorre poi ricordare che nelle grigie giornate invernali circolare con le luci accese anche di giorno aumenta la visibilità.

Chi vuole andare sul sicuro monta in ogni caso pneumatici invernali, anche se non sono obbligatori, perché alle basse temperature la speciale mescola di questi pneumatici impedisce l’effetto di indurimento causato dal freddo e migliora la tenuta.

Anche se la giornata non è particolarmente rigida, sui ponti, sui dossi, nei sottopassaggi o quando si attraversa una fascia disboscata bisogna guidare con particolare prudenza. In questi punti il fondo stradale può essere particolarmente scivoloso, anche se la strada è altrimenti asciutta e garantisce una buona aderenza. Non vanno sottovalutati neanche i segnali di limite di velocità con il fiocco di neve aggiuntivo. Il segnale supplementare mette in guardia da inaspettate formazioni di ghiaccio; per questo la limitazione della velocità vale anche in caso di fondo asciutto.

Gli esperti di DEKRA raccomandano inoltre numerose altre misure che consentono di aumentare la sicurezza. È importante ad esempio liberare l’automobile da neve e ghiaccio prima di partire – completamente, e non solo per creare un piccolo oblò sul parabrezza. Oltre a tutti i cristalli, bisogna liberare il cofano motore e il tetto, altrimenti si corre il rischio che durante la marcia la neve improvvisamente ostruisca la visuale. Oltre ai fari e ad altri dispositivi di illuminazione, si devono pulire anche i sensori e le telecamere del veicolo – solo così i sistemi di assistenza possono funzionare in modo affidabile.

Chi va in montagna non deve dimenticare le catene da neve, adatte ovviamente alle dimensioni degli pneumatici. È importante tuttavia provare a montare le catene quando si è ancora a casa, in tutta tranquillità. Il “learning by doing” in mezzo a raffiche di neve su un passo alpino non solo è fastidioso, ma può diventare anche pericoloso. Importante: se è presente il segnale “pneumatico con catena da neve su sfondo blu” al bordo della strada si devono montare obbligatoriamente le catene da neve. In questo caso il limite di velocità è di 50 km/h.

Per quanto riguarda gli accessori invernali, è indispensabile disporre di un raschiaghiaccio, una spazzola per la neve, un panno antiappannamento e di liquido antigelo di riserva per l’impianto tergicristalli. Da non dimenticare i guanti da lavoro foderati, perché cambiare gli pneumatici o montare le catene con le mani calde è molto più semplice. È bene avere a bordo anche una coperta calda, poiché d’inverno, in caso di panne o maxi ingorghi, potrebbe non essere possibile tenere acceso il riscaldamento all’infinito. Con un po’ d’acqua e provviste d’emergenza è possibile far fronte anche a lunghe soste forzate. Se si intende affrontare un lungo viaggio è consigliabile avere con sé anche un thermos di tè caldo.

Condividi pagina