Best Practice per diminuire il numero di vittime della strada in tutto il mondo

giu 2017

notizie e azioni

Editoriale Rapporto DEKRA 2017

Le cifre in Germania sembrano incoraggianti: dopo il 2014 e il 2015 ci sono stati più decessi rispetto agli anni precedenti, ma nel 2016 un numero inferiore di persone ha perso la vita negli incidenti stradali. Secondo le informazioni dell’Ufficio federale di statistica, i circa 3200 morti rispetto al 2015 indicano un calo del 7,3%. Allo stesso tempo, il numero di decessi ha raggiunto il livello più basso per oltre 60 anni. Tenuto conto del fatto che il numero totale di incidenti registrati dalla polizia è aumentato a 2,6 milioni (oltre il 3%) e che c’è stato un nuovo aumento anche nel chilometraggio totale dei veicoli a motore, tale sviluppo si rivela molto incoraggiante.

Tuttavia, vi sono anche tendenze opposte. Secondo le previsioni da parte dell’Observatoire National Interministériel de la Securitè Routière, nel 2016 in Francia il numero di decessi su strada è aumentato per il terzo anno consecutivo, anche se solo dello 0,2%, vale a dire, da 3.461 a 3.469. E negli Stati Uniti, tanto per citare un altro esempio, secondo le stime del National Safety Council, si calcola un aumento di oltre 40.000 morti sul traffico stradale. Già nel 2015 c’era stato un aumento del 7,5%.

Tenuto conto del fatto che ogni vittima del traffi- co stradale è una di troppo, l’aumento della sicurezza stradale resta una delle principali sfide poste dalla società. Ciò vale se la problematica non si limita ai singoli paesi, ma viene considerata in una prospettiva globale. Infine, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 1,25 milioni di persone perdono la vita ogni anno a causa di incidenti stradali in tutto il mondo. Per anni, tale cifra ha mantenuto questo livello.

Dunque, diventa ancora più importante capire se sia possibile realizzare una contromanovra efficiente e sostenibile per ottenere un miglioramento significativo di questa situazione. A tal fine, anche il Rapporto sulla Sicurezza Stradale di DEKRA intende offrire il suo contributo. A differenza dei Rapporti precedenti, questa volta l’attenzione non è posta ad alcuna modalità di trasporto, né ad un particolare gruppo di utenti della strada. Piuttosto, ci dedichiamo al cosiddetto approccio Best Practice, che già da anni viene utilizzato anche nel settore della sicurezza stradale.

In tale contesto, indichiamo per i tre temi principali, ossia l’uomo, le infrastrutture e la tecnologia dei veicoli, dei provvedimenti che si sono rivelati di successo in alcune regioni del mondo e che probabilmente potrebbero avere successo altrove, a condizione che le condizioni lo consentano e che il rapporto costi-benefici sia accettabile. Ove possibile, sosteniamo gli esempi di Best Practice illustrati attraverso delle cifre significative, sottolineando che questo o quel provvedimento hanno portato palesemente a ottenere meno incidenti, decessi o lesioni. Inoltre, siamo riusciti ancora una volta ad avvalerci di prestigiosi esperti nazionali e internazionali per ottenere dichiarazioni in cui, tra l’altro, si riportano provvedimenti, esperienze o progetti per il miglioramento della sicurezza stradale nel loro rispettivo Paese o in una particolare regione del mondo.

Condividi pagina