Evitare molti incidenti grazie al rispetto delle velocità massime consentite

mag 2019

Il Fattore Umano

Le osservazioni in questo capitolo chiariscono l’importanza di evitare del tutto situazioni pericolose per la sicurezza per i bambini sulle strade. E, in tal senso, gli altri utenti della strada, quali i conducenti di automobili, possono offrire un contributo significativo in quanto causa più comune di incidenti che coinvolgono i bambini. Ad esempio, con il loro stile di guida.

Fondamentalmente, l’obiettivo della maggior parte dei tragitti è percorrere da A a B nel modo più veloce, comodo e sicuro possibile. Gli ostacoli di questo obiettivo sono, con notevoli differenze nelle diverse regioni e in base al mezzo di trasporto, accettate a malincuore, aggirate il più possibile o addirittura completamente ignorate. Mentre il semaforo rosso è generalmente rispettato dai conducenti di veicoli a motore, l’accettazione tra i ciclisti diminuisce significativamente, con molti pedoni che spesso sembrano interpretarlo solo come una raccomandazione ad aspettare. I rischi derivanti dall’uso dei telefoni cellulari nel traffico stradale sono ben noti. Troppo spesso, tuttavia, vengono scritti e letti i messaggi di testo o sfogliate playlist, nonostante i divieti. Sembra quanto meno accettato il fatto di mettere in pericolo se stessi e gli altri. La situazione è simile quando si tratta di mantenere il limite massimo di velocità. Nei Paesi con basso numero di controlli e multe, 10 km/h in più sembrano essere accettati socialmente, come anche 20 km/h oltre il limite. Se un utente della strada si attiene ai limiti, viene avvicinato troppo da altri, sollecitato o sorpassato pericolosamente. Tuttavia, quasi nessuno è consapevole delle gravi conseguenze che possono avere anche lievi superamenti della velocità massima. Soprattutto per i bambini, gli incidenti possono rapidamente diventare fatali.

Il seguente esempio, visualizzato in un crash test di DEKRA, dovrebbe chiarire il problema: un’auto guida su una strada con limite di 30 km/h in un’area residenziale. Ai lati della carreggiata, sono parcheggiati dei veicoli. Tra due veicoli parcheggiati, spunta un passeggino che intende attraversare la strada. Il conducente dell’auto guida esattamente alla velocità massima consentita, riconosce la situazione e reagisce con una frenata completa. Proprio di fronte al passeggino, il veicolo si ferma. Una situazione spaventosa per tutti i soggetti coinvolti, ma fortunatamente senza alcuna collisione.

La situazione è diversa se il veicolo guida ad “appena” 10 km/h di più a pari condizioni. Se durante i tempi di reazione di un secondo, nel primo caso, sono stati percorsi circa 8,3 metri, a una velocità iniziale di 40 km/h vengono percorsi 11,1 metri. Il veicolo, che si ferma a 30 km/h dopo una distanza totale di 12,9 metri, si ferma a una velocità di 40 km/h solo dopo 19,3 metri. Il passeggino viene comunque rilevato dopo 12,9 metri a una velocità di 35 km/h. Per il neonato nel passeggino, o un qualsiasi pedone, si prevedono lesioni gravi o mortali. Autisti frettolosi, che viaggiano a 50 km/h, percorrono 13,9 metri durante il tempo di risposta. Nel punto di collisione, la decelerazione non è ancora iniziata, e il passeggino, come mostrato nel crash test, viene urtato a 50 km/h, con conseguenze fatali per il bambino.

L’esperienza del centro di ricerca incidenti DEKRA mostra che l’improvvisa comparsa di pedoni o ciclisti, spesso bambini, avviene tra veicoli parcheggiati o dietro altri ostacoli, come cartelloni pubblicitari o scatole di controllo, spesso provocando incidenti. Rispettando la massima velocità consentita e astenendosi dall’uso di telefoni cellulari e simili, molti di questi incidenti potrebbero essere evitati.

Non affatto trascurabili sono le conseguenze psicologiche per i conducenti stessi. Quando in tribunale un esperto asserisce che si sarebbe potuto evitare l’incidente rispettando il limite di velocità, mentre con “solo” 10 km/h in più si è rovinata la vita di un bambino e della sua famiglia, questo è molto più angosciante dell’inevitabile condanna. Quindi, se l’obiettivo è arrivare da A a B nel modo più veloce, comodo e sicuro possibile, bisognerebbe dare la massima importanza alla sicurezza, altrimenti si corre il rischio di non arrivare nemmeno, in casi estremi.

Durante il test DEKRA, il passeggino è stato individuato entro il tempo di reazione a una velocità di 50 km/h e scaraventato di diversi metri:

Condividi pagina