Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Informazioni attuali sul tragitto casa-scuola dei bambini

mag 2019

Il Fattore Umano

Per conto di DEKRA, l’istituto Forsa ha condotto un’indagine rappresentativa sul tragitto casa-scuola percorso dai bambini nel novembre 2018. In questo contesto, secondo una procedura randomizzata sistematica, sono stati coinvolti da una parte 1.020 genitori di bambini in età scolare tra i 6 e i 16 anni e, dall’altra, 1.009 persone senza figli in età scolare. Tra le altre cose, questo panel aveva lo scopo di chiarire se l’atteggiamento dei genitori i cui figli devono recarsi a scuola ogni giorno differisca da quelli del resto della popolazione.

In totale, il 48% dei genitori di bambini in età scolastica tra i 6 e i 16 anni ha dichiarato che i loro figli hanno usato l’autobus o il trasporto pubblico per recarsi a scuola. Un terzo dei bambini (32%) di solito si reca a scuola o a casa a piedi. Il 25% usa la bici per compiere questo tragitto. Solo il 23% dei genitori intervistati ha dichiarato di trasportare regolarmente il loro figlio a scuola o a casa.

Le ragazze usano i trasporti pubblici più spesso dei ragazzi, che tendono più a camminare verso la scuola. Anche i ragazzi di età compresa tra 12 e 16 anni usano i trasporti pubblici molto più frequentemente rispetto ai bambini più piccoli. Tra i sei e gli otto anni, i bambini vengono trasportati in auto più spesso rispetto ai bambini più grandi, o in alternativa si muovono a piedi. Quest’ultimo dato può certamente essere spiegato dal fatto che i tragitti verso la scuola elementare sono generalmente brevi. In caso contrario, allora i bambini più piccoli hanno maggiori probabilità di essere accompagnati in auto dai loro genitori. La bicicletta viene spesso utilizzata nella fascia di età compresa tra 9 e 14 anni.

Gli intervistati in città con meno di 5.000 abitanti hanno riportato, con maggiore frequenza della media di tutti gli intervistati, che il loro bambino di solito arriva a scuola in autobus o con altri mezzi di trasporto pubblico. L’uso della propria auto per portare il bambino a scuola o a casa si attesta su una percentuale costante del 21-24% nelle città di ogni dimensione, pertanto sorprendentemente non dipende dal fatto di abitare in una piccola città rurale o in una grande città.

Gli intervistati dovevano inoltre dichiarare cosa li preoccupasse di più riguardo al modo in cui i propri figli si recavano a scuola. Più di un intervistato su due (57%) ha espresso preoccupazione per il fatto che il proprio figlio avrebbe potuto essere coinvolto in un incidente stradale per colpa di terzi, rimanendo ferito. Il 46% teme che il proprio figlio venga molestato o minacciato da estranei. Uno su cinque (20%) teme azioni di bullismo da parte dei coetanei. Che il proprio figlio sia troppo distratto e, ad esempio, passi con il semaforo rosso è la preoccupazione che affligge il 19% degli intervistati. Gli under 40 sono molto più preoccupati, rispetto alla media di tutti gli intervistati, che il figlio sia coinvolto e ferito in un incidente stradale nel tragitto casa-scuola (70%) o sia minacciato o molestato da estranei (59%). Più rilassati a questo riguardo sono i genitori che hanno superato i 50 anni.

Motivi che portano alla scelta della scuola per i genitori

Il 43% degli intervistati che porta i propri figli a scuola in auto lo fa perché la scuola si trova nel tragitto verso il lavoro. Il 29% afferma che il tragitto verso la scuola richiederebbe troppo tempo, il 25% dichiara invece la mancanza di una buona rete di trasporti pubblici. Circa un intervistato su cinque di questo sottogruppo ha dichiarato che andare a scuola a piedi o in bicicletta era troppo pericoloso o il tragitto troppo lungo.

Il 14% di questo sottogruppo ha confermato di trasportare il proprio figlio da o verso la scuola condividendo l’auto con altri bambini; il 10% per poter passare più tempo con il bambino. Il 7% riteneva che il trasporto in auto fosse più economico che acquistare un biglietto per i trasporti pubblici.

Gli uomini (24%) hanno riferito più spesso delle donne (13%) di portare i figli a scuola o a casa in auto perché il tragitto è troppo pericoloso da fare a piedi o in bici. Significativamente più uomini (15%) che donne (5%) hanno dichiarato che loro o il loro partner passerebbero più tempo con il bambino in questo modo.

Anche agli intervistati che non trasportano o ritirano i propri figli in auto è stato chiesto il motivo della loro scelta. Due terzi (67%) ha dichiarato che il bambino dovrebbe imparare a muoversi per le strade e comportarsi in modo sicuro. Questo aspetto è stato sottolineato dagli under 40.

Il 39% non porta il figlio a scuola o a casa in auto perché è presente una buona rete di trasporti pubblici. Questa è stata in particolare l’opinione dei genitori ultra-cinquantenni, che potrebbero stabilire altri standard rispetto a “prima” dei più giovani. Il 34% non usa l’auto nel tragitto casa-scuola dei loro bambini perché si recano a scuola insieme ad altri studenti. Per quanto riguarda l’aspetto ambientale, il 26 % degli intervistati ha dichiarato che usare l’auto per accompagnare i bambini a scuola disturba i residenti locali e danneggia l’ambiente oltre a mettere in pericolo gli altri studenti.

Condividi pagina