Intensificare le misure di costruzione e manutenzione

giu 2018

Infrastructture

Quando si parla di ottimizzazione delle infrastrutture, non si può dimenticare un punto in particolare: lo stato di strade, ponti e gallerie. In questo contesto, ad assumere un aspetto importante sono alcuni aspetti come lo stato del manto stradale, la prevedibilità del tracciato viario, la visibilità della carreggiata, l’allestimento degli spazi laterali, la segnaletica orizzontale, la progettazione delle aree di intersezione e di sbocco, la creazione di una possibilità di schemi di svolta e di sorpasso e soprattutto la condizione strutturale generale dei ponti.

Nel novembre 2008 l’Unione Europea ha pubblicato la “Direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali”. La Commissione UE considera, da allora, le infrastrutture un ambito essenziale della propria politica per il miglioramento della sicurezza stradale. Non si tratta solo di nuovi progetti di costruzione, ma in particolare dell’aumento mirato del livello di sicurezza delle strade esistenti. Ovviamente, non è possibile ricostruire ex novo ogni strada rovinata oppure risanarla fin dalle fondamenta. Tuttavia, se tutte le misure di costruzione e manutenzione sono pianificate, stabilite in ordine di priorità ed eseguite in modo da garantire il massimo livello possibile di sicurezza, si può prevedere un aumento significativo della sicurezza.

Uno dei principali difetti della rete stradale, tra l’altro in Germania, è rappresentato, ad esempio, dai ponti. Un problema in questo caso è la fatica del materiale, dovuta da un lato all’età talvolta sproporzionatamente elevata delle strutture, e dall’altro al carico di traffico, che da anni è in forte aumento. In particolare, l’immenso aumento del trasporto pesante di merci rende necessaria la creazione di nuovi ponti. Per queste ragioni, nell’ambito delle misure volte a migliorare le infrastrutture stradali, le ispezioni edili prescritte dalla norma DIN 1076 non devono essere trascurate neanche in futuro. Il punto di vista regolare degli esperti contribuisce a rilevare in via preventiva le carenze strutturali ed a porre rimedio alla situazione; ciò si rivela, pertanto, un elemento importante per migliorare la sicurezza stradale sulle strade.

Carenze in materia di sicurezza sulle strade statali

Oltre alle autostrade, anche le strade statali sono un’area di incidenti importanti per i veicoli commerciali. Soprattutto su strade strette può diventare pericolosamente stretto. Se un veicolo lascia la corsia in direzione del bordo della strada, le condizioni della fascia laterale e della piazzola sono in molti casi determinanti per l’ulteriore manovrabilità del veicolo. Se manca la fascia laterale, dopo aver oltrepassato la linea laterale le ruote finiscono immediatamente fuori dalla carreggiata. In tale situazione cambiano anche i valori di attrito, a volte esiste anche un dislivello tra la superficie della carreggiata e la piazzola che in molti casi si trova più in basso. Un ritorno in carreggiata viene reso ancora più difficile. Il rischio che i conducenti inesperti sterzino troppo bruscamente per superare il dislivello è elevato: non appena il veicolo raggiunge nuovamente la carreggiata, si verifica un brusco cambio di direzione a lato del traffico in arrivo, inoltre il rischio di slittamento è molto elevato. Dove lo spazio lo permette, pertanto, dovrebbe essere presente una striscia di margine di larghezza adeguata al livello di velocità e all’andamento della carreggiata. La piazzola adiacente dovrebbe essere portata a livello della carreggiata e fortificata in modo che anche dopo lunghe piogge e dopo il passaggio di camion resti sempre allo stesso livello.

Aumentare il numero di parcheggi per autocarri

Un rischio da non sottovalutare per la sicurezza stradale è la carenza di parcheggi sulle autostrade. Sebbene il governo federale e gli stati federali costruiscano da anni nuovi parcheggi per autocarri, non è ancora stato possibile colmare il deficit a causa del numero crescente di trasporti di merci. Secondo gli esperti, solo sulle autostrade tedesche mancano decine di migliaia di parcheggi per i camion – secondo i calcoli dell’Ufficio federale tedesco per la rete stradale, la carenza ammonterà a 26.000 entro il 2030.

Uno dei problemi principali in questo contesto è rappresentato dai tempi di guida e di riposo. I conducenti di camion sono generalmente obbligati a rispettarli, altrimenti sono soggetti a severe sanzioni. Per evitare violazioni dei tempi di guida, gli autisti parcheggiano spesso i loro veicoli alle entrate e alle uscite dei distributori di benzina, delle aree di sosta e delle corsie di servizio a causa della mancanza di parcheggi. Ciò comporta un elevato rischio di incidenti, in quanto gli autocarri sono spesso insufficientemente protetti e difficilmente riconoscibili dagli altri utenti della strada di notte a causa dello scarso contrasto. Secondo l’Associazione degli Autogrill tedeschi (VEDA), negli ultimi anni il numero di incidenti mortali è aumentato costantemente. Prima del 2016 c’era in media un conducente morto in tre anni, nel 2016 hanno perso la vita quattro conducenti e nella prima metà del 2017 sei conducenti.

Per ovviare a questa situazione è stato introdotto un sistema di parcheggio intelligente, ad esempio nell’area di servizio dell’autostrada di Montabaur. Un display nell’area di servizio segnala ai conducenti di camion in arrivo se sono ancora disponibili parcheggi. I parcheggi sono quindi assegnati ai conducenti tramite un sistema informatico. L’assegnazione viene effettuata dopo l’orario di partenza – per chi deve partire prima al mattino, sta davanti. Ciò significa che i camion possono essere parcheggiati in colonne e che lo spazio di parcheggio limitato può essere utilizzato in modo più efficiente. In alternativa a questa soluzione, VEDA ritiene anche che si potrebbe prendere in maggiore considerazione l’area “a lato” dell’autostrada.

Anche il legislatore potrebbe intervenire su questo punto. Finora le sanzioni per il superamento del periodo di guida sono state molto più severe di quelle previste per i parcheggi non corretti. Un allineamento potrebbe scoraggiare alcuni conducenti dal parcheggiare i loro veicoli in punti critici. Tuttavia, ciò comporterebbe solo un rinvio del problema, perché in tal caso gli autisti dovrebbero continuare a guidare fino a trovare un parcheggio gratuito. Tuttavia, i conducenti molto affaticati celano un rischio maggiore di incidenti.

Oltre alla carenza di parcheggi, gli autotrasportatori sono sempre di più alle prese con la criminalità organizzata. Soprattutto nei parcheggi non custoditi, i furti di merci sono in aumento. Alcune aree di servizio hanno affrontato questo problema e stanno già offrendo le prime “isole di sicurezza” con il progetto di “parcheggio premium”, ora già 20 in tutta la Germania. Nei Paesi Bassi, un progetto sta monitorando i parcheggi lungo due autostrade attraverso un centro di controllo centrale. Se un veicolo si avvicina a un parcheggio dopo l’altro e quindi suscita sospetti, la centrale di controllo può inviare una pattuglia di polizia al sito. Parcheggi custoditi sono disponibili anche in Belgio, Inghilterra, Francia e Spagna.

Condividi pagina