L’ispezione tecnica periodica del veicolo sta acquisendo importanza

giu 2017

Tecnologia Dei Veico

Qualora nell’auto siano installati sistemi di guida assistita e automatica, è necessario garantire che tali sistemi – come pure i sistemi di sicurezza attiva e passiva o integrale – durante i tempi di vita del veicolo funzionino in modo affidabile, poiché solo allora potranno esercitare il loro effetto desiderato. Il controllo tecnico del veicolo su base periodica, come accade in molti paesi del mondo da molti anni, assumerà in futuro un’importanza maggiore rispetto ad oggi, soprattutto in considerazione della crescente complessità dei sistemi e del pericolo di manipolazione elettronica. Come dimostrano numerose analisi, anche l’elettronica del veicolo è soggetta a una certa usura. In più, non è esente da errori di sistema, può essere manipolata, disattivata e perfino smontata dal veicolo. Le indagini eseguite dall’Associazione internazionale per la verifica tecnica dei veicoli a motore (CITA) hanno dimostrato che i sistemi a comando elettronico all’interno dei veicoli possono presentare, a parità di confronto, gli stessi tassi di guasto nonché i comportamenti anomali riconducibili all’invecchiamento dei sistemi meccanici. I malfunzionamenti aumentano sia con l’età del veicolo che con la potenza di marcia.

Nonostante tutti i perfezionamenti dei componenti elettronici, i sistemi meccanici continuano naturalmente a rivestire un ruolo centrale in materia di sicurezza stradale. Nell’ambito della revisione periodica del veicolo vengono pertanto posti sotto la lente di ingrandimento sia l’impianto frenante e sterzante che dispositivi illuminotecnici, assi, ruote e pneumatici, sospensioni, autotelaio, telaio e carrozzeria oppure le condizioni di visibilità, per citare solo alcuni esempi.

Per comprendere quanto ciò sia importante, viene mostrato, tra le altre cose, l’esempio della Francia. Dopo aver introdotto obbligatoriamente il Contrôle Technique nel 1992, le condizioni tecniche dei veicoli in circolazione sono migliorate sensibilmente. Stando alle statistiche DEKRA, in numerosi componenti quali freni o dispositivi di illuminazione, il tasso di difettosità è diminuito di oltre il 50%.

La Turchia è anche un buon esempio per illustrare i grandi vantaggi dell’ispezione tecnica periodica (PTI) per la sicurezza stradale. Alla fine del 2007, l’ispezione dei veicoli è stata condotta da una rete nazionale nei punti di ispezione statali. In questo caso si tratta di un controllo visivo, in cui le indicazioni sono state compensate nei documenti del veicolo con lo stato della vettura. L’idoneità alla guida è stata rilevante proprio durante la dimostrazione. Nel 2008 ha inoltre fatto seguito l’introduzione di un PTI sul modello europeo con standard ben definiti. Da allora il numero di vittime della strada è diminuito nel giro di pochi anni del 40%. L’esempio dello stato americano dell’Idaho mostra inoltre l’efficacia del monitoraggio periodico. In questo caso, il programma precedentemente eseguito è stato impostato per il PTI nel 1997. Solo due anni più tardi il numero di veicoli difettosi o non sicuri da un punto di vista meccanico era aumentato in modo significativo. Anche la condizione dei freni di veicoli meno recenti era peggiorata prima dell’abrogazione della PTI. Inoltre, anche lo stato di sterzo, sospensioni e gruppo propulsore era notevolmente deteriorato. Lo stato americano del Texas, ha pertanto introdotto nel 1999 un programma di PTI, ed entro un tempo molto breve, la percentuale di incidenti causata da difetti del veicolo è scesa dal dodici al quattro percento. In tale contesto, attraverso il PTI, o anche da parte di molti paesi emergenti e in via di sviluppo ci si aspetterebbero degli effetti positivi.

Condividi pagina