Miglior equipaggiamento dei veicoli per ridurre il numero di incidenti

apr 2019

notizie e azioni

biker

Con una media di 49 morti in incidenti stradali per ogni milione di abitanti rispetto ai 174 morti per ogni milione di abitanti nel resto del mondo, le strade dell'UE sono le più sicure al mondo. Nel 2018 hanno perso la vita in incidenti stradali nell’UE circa 25.100 persone. Stando alle cifre provvisorie della Commissione, lo scorso anno, per ogni morto sulle strade dell'UE, sono stati registrati circa cinque feriti gravi (circa 135.000).

Nel complesso, il numero di morti in incidenti stradali nell'UE si è più che dimezzato negli ultimi vent'anni. Le ultime cifre mostrano tuttavia che la riduzione del tasso di mortalità è in fase di ristagno e che sono necessari ulteriori sforzi per migliorare la sicurezza stradale e salvare vite. Dal maggio 2022 diverranno perciò obbligatori nei nuovi veicoli numerosi sistemi di assistenza alla guida. Questa decisione è stata presa dall'UE nell'aprile 2019.

Fra i sistemi di assistenza alla guida obbligatori in tutti i nuovi veicoli figurano: la regolazione intelligente della velocità, la predisposizione per l'installazione di un dispositivo di tipo alcolock, il sistema di allarme in caso di stanchezza e mancanza di attenzione da parte del conducente, il sistema di allarme in caso di mancanza di concentrazione da parte del conducente, la luce di frenata di emergenza, il sistema di assistenza alla retromarcia e la rilevazione dati a seguito di incidente ("Black Box"). Secondo le stime, la regolazione intelligente della velocità potrebbe ridurre del 20 per cento il numero di morti in incidenti stradali nell’UE.

Per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri sarà inoltre previsto l'obbligo di installare un dispositivo di frenata di emergenza automatica (già obbligatorio in autocarri e autobus) nonché un sistema di assistenza per evitare lo sconfinamento di corsia. La maggior parte di queste tecnologie e di questi sistemi diverrà vincolante per i nuovi modelli dal maggio 2022 e per quelli esistenti dal maggio 2024.

Inoltre, in futuro i costruttori di autocarri e autobus dovranno progettare o equipaggiare i veicoli in modo tale da offrire al conducente una migliore visuale diretta degli utenti della strada vulnerabili, quali pedoni e ciclisti, riducendo il più possibile il numero di angoli ciechi davanti e al lato del conducente. La tecnologia della visuale diretta dovrà essere installata nei veicoli nuovi dal novembre 2025 e in quelli esistenti dal novembre 2028.

Condividi pagina