Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Misure protettive e raccomandazioni

mag 2019

Il Fattore Umano

Strada per la scuola
Non sempre il tragitto verso la scuola risulta ordinato come in questa foto.

Al fine di ridurre il rischio di incidenti, il legislatore tedesco rende obbligatorio l’uso del marciapiede per i bambini fino a otto anni. Successivamente, fino all’età di dieci anni, sono autorizzati a guidare sul marciapiede. Da quella fascia di età in poi, bambini e adulti devono utilizzare piste ciclabili o la strada. Il mezzo di trasporto deve attenersi ai requisiti pertinenti dello StVZO. Un’altra importante misura di sicurezza in sella è senza dubbio l’uso di un casco da bicicletta. I sondaggi mostrano che, in Germania, il 76% dei bambini tra i sei e i dieci anni indossa un casco, tuttavia nella fascia tra i 10 e i 16 anni, appena il 29% lo fa. L’obbligo del casco è sempre oggetto di discussioni in Germania. Finora, tuttavia, i sostenitori non hanno ottenuto la maggioranza. Anche per i bambini, c’è solo la raccomandazione, ma non l’obbligo, di indossare un casco.

L’allenamento pratico all’uso della bicicletta è un mezzo importante per aumentare la sicurezza dei piccoli ciclisti. Questo porta inoltre a un maggiore senso di sicurezza nei bambini. L’allenamento ha un effetto potenziato se viene effettuato in situazioni di traffico reali. Ma anche una zona sicura come il cortile della scuola è adatta per allenare le competenze motorie. In Germania, i bambini di solito partecipano a corsi di formazione in bicicletta al 4° anno, in cui vengono spiegati contenuti teorici (norme stradali), ma tenute anche prove pratiche, per lo più in un ambiente protetto dal traffico, come un giardino. Alla fine, la prova pratica attesta il completamento con esito positivo della formazione.

Il Consiglio tedesco per la sicurezza stradale (DVR) raccomanda ai genitori di lasciare andare i loro bambini in bicicletta solo dopo il corso di formazione sull’uso della bici e, una volta superata la prova pratica, nel tragitto verso la scuola e nel tempo libero. In molte scuole tedesche esistono regolamenti specifici in base ai quali i bambini possono andare a scuola in bicicletta. In ogni caso, le sessioni di formazione congiunte dovrebbero essere utilizzate per aumentare la sicurezza motoria, familiarizzare con i tragitti e aumentare la consapevolezza dei punti di rischio. Perché allenarsi all’uso della bicicletta aumenta la sensazione di sicurezza soggettiva.

Oltre alle misure di protezione personale dirette, tuttavia, sono necessarie condizioni infrastrutturali, come una guida sicura nel traffico, per aumentare la sicurezza oggettiva e anche il senso di sicurezza. In definitiva, il successo dipende dall’accettazione dell’uso delle biciclette come mezzo di movimento alternativo. La bicicletta in età scolare è un mezzo di trasporto desiderabile solo se è collegata all’esperienza di essere accettati in sella come un pari utente della strada.

Genitori: un modello da imitare

La psicologia dell’apprendimento riconosce l’importanza di imparare dall’osservazione e dell’imitazione di un modello per l’adozione del comportamento dei bambini. Secondo Albert Banduras, la teoria di “imitazione di un modello” promuove un legame emotivo o la somiglianza tra il modello di ispirazione e l’osservatore, uno stato più elevato del modello così come le prospettive di successo previste e le potenziali conseguenze positive dell’adozione di comportamenti del processo di apprendimento.

Se questi risultati vengono trasferiti al traffico stradale e all’educazione al traffico dei bambini, diventa evidente che i genitori occupano il primo posto in quanto “oggetti di osservazione”. Ciò si applica in particolare alla fascia di età 12-14 anni, in cui si può supporre che i bambini abbiano sufficientemente sviluppato tutte le abilità e le competenze rilevanti per muoversi sulla strada in modo indipendente. In virtù del loro stretto legame con il bambino, i genitori sono predestinati a fungere da modello. Questo è vero anche da parte dei bambini, che richiamano i propri genitori come figure di riferimento. Sono ben consapevoli del loro ruolo di modello e, in presenza dei loro figli, si comportano in modo significativamente più rispettoso delle regole che in loro assenza. Nonostante gli sforzi riconoscibili, tuttavia, non sempre riescono a mettere in pratica coerentemente il loro ruolo di modelli di comportamento. Una delle ragioni potrebbe essere che non tutti i genitori riescono a riflettere in modo autocritico su alcuni comportamenti automatici e quindi (quasi inconsciamente) trasmettono ai figli comportamenti errati o pericolosi. Pertanto, gli enti di supporto alla socializzazione (asili e scuole) sono indispensabili per responsabilizzare i bambini attraverso una trasmissione di conoscenze teoriche e pratiche oggettive per una partecipazione al traffico sicura e responsabile.

Quando si tratta di caschi per la bicicletta, la discrepanza tra il ruolo del modello genitoriale e il comportamento reale diventa molto chiara. Anche se tre bambini su quattro indossano un casco da bicicletta, secondo il Deutscher Verkehrswacht, appena un sesto degli adulti segue tale raccomandazione. Le ragioni di ciò sono spesso banali, soprattutto se si parla di estetica, e sono sproporzionati rispetto al maggior rischio di incidenti o infortuni. I genitori sono estremamente importanti nell’ottica di indossare i caschi in quanto modelli da seguire. Quasi nessuna altra misura di sicurezza stradale è così importante dell’apprendere dalle esperienze passate. Attraverso l’uso coerente del casco, i genitori aumentano l’accettazione tra i loro figli di indossarlo autonomamente. E se permettono loro di scegliere un casco che gli piace, hanno fatto tutto il possibile per incoraggiarli a indossarlo.

Condividi pagina