Occorre continuare ad aggiornare una tendenza fondamentalmente positiva

giu 2018

notizie e azioni

Alla luce del costante aumento delle prestazioni del trasporto merci su strada nella UE nel corso degli anni e della contemporanea riduzione del numero di morti e feriti, soprattutto in incidenti in cui sono coinvolti automezzi pesanti, è chiaro che la sicurezza stradale è notevolmente migliorata in questo settore. Tuttavia, i drammatici incidenti che continuano a verificarsi dimostrano chiaramente che è ancora necessario intervenire nei settori della sicurezza dei veicoli, delle infrastrutture e, soprattutto, del fattore umano.

Una pianificazione dei giri serrata, pressione delle scadenze, traffico intenso, stress, sovraffaticamento, condizioni di parcheggio difficili, distrazione causata da messaggi sullo smartphone o sul tablet o dal funzionamento del sistema di navigazione, condizioni meteorologiche e stradali potenzialmente sfavorevoli e molti altri fattori: nel loro lavoro quotidiano gli autisti professionisti si confrontano con una grande varietà di influenze esterne. Per questi motivi, dovrebbero concentrarsi sulla loro funzione di guida responsabile. Un momento di imprudenza o un improvviso colpo di sonno possono rapidamente avere conseguenze devastanti per tutti coloro che sono coinvolti in un incidente.

Sta di fatto che, anche il fattore umano svolge un ruolo preponderante negli incidenti che coinvolgono veicoli adibiti al trasporto di merci su strada. I ricercatori ipotizzano che circa il 90% di questi incidenti in Europa possa essere attribuito a “errori umani”, anche se naturalmente il comportamento scorretto non è causato solo dai conducenti degli autoveicoli adibiti al trasporto di merci. Anche se gli autoveicoli stradali per il trasporto di merci sono molto meno coinvolti in incidenti con lesioni alle persone in termini di chilometraggio, è necessario intervenire, soprattutto in considerazione del fatto che le conseguenze per le controparti camion sono di solito molto più gravi che per gli occupanti di tali veicoli.

Le imprese di trasporto e gli spedizionieri possono dare un contributo importante al rafforzamento della sicurezza stradale semplicemente sensibilizzando i loro conducenti e subappaltatori alle questioni relative alla sicurezza. Oltre a una programmazione intelligente, la formazione e il perfezionamento degli autisti rivestono grande importanza, come già descritto in dettaglio nel capitolo “Risorse umane” della presente relazione. Inoltre, un’efficiente gestione della salute in azienda e regolari controlli sanitari contribuiscono in modo decisivo al mantenimento delle prestazioni e del benessere e quindi, in ultima analisi, alla riduzione al minimo del rischio di infortuni.

Anche per quanto riguarda i veicoli, la potenzialità di ottimizzazione è ben lungi dall’essere esaurita. Non vi è dubbio che gli autocarri pesanti, in particolare, siano diventati anche veicoli ad alta tecnologia. Nello stesso tempo sono state migliorate costantemente le strutture e le caratteristiche di sicurezza degli abitacoli come pure le caratteristiche di guida. Oltre alle misure puramente meccaniche di protezione del partner nella zona anteriore, posteriore e laterale, vengono utilizzati sempre più moderni sistemi elettronici di assistenza alla guida, che migliorano ulteriormente la sicurezza degli occupanti degli autocarri e degli altri utenti della strada. Sia che si tratti di regolazioni della dinamica di guida come ESP, controllo della distanza (ACC), assistente alla frenata di emergenza, sistema di mantenimento della corsia o assistente alla svolta: tutti questi strumenti contribuiscono a prevenire gli incidenti o a mitigarne le conseguenze.

Nonostante l’efficienza dei sistemi di assistenza, uno stile di guida lungimirante rimane indispensabile

Equipaggiare i veicoli con sistemi di assistenza in numero sempre maggiore è certamente un passo sensato in vista della “Vision Zero” – ovvero un traffico stradale in cui non ci sono morti o feriti gravi in incidenti. Tuttavia, è fondamentale che i conducenti del veicolo siano consapevoli delle funzionalità dei sistemi per non correre il rischio di spegnere il sistema “sbagliato”, come il dispositivo di assistenza alla frenata d’emergenza salvavita, per mancanza di conoscenze. Inoltre, ogni conducente di veicolo deve essere consapevole che le leggi fisiche non possono essere invalidate dai sistemi di assistenza – non aumentano le prestazioni di frenata né possono ridurre lo spazio di frenata su strade bagnate o scivolose, per esempio.

Il presupposto per tutti i sistemi elettronici è che funzionino in modo affidabile per tutta la durata di vita del veicolo. Perché solo così possono dispiegare l’effetto desiderato. Il monitoraggio periodico dei veicoli diventerà quindi ancora più importante in futuro, anche alla luce della crescente complessità dei sistemi e del rischio di manipolazione elettronica.

Infine, come nei rapporti DEKRA sulla sicurezza stradale degli anni precedenti, non va dimenticato un requisito chiaro: per evitare situazioni pericolose nel traffico stradale, sono e restano indispensabili un comportamento responsabile, una corretta valutazione delle proprie capacità e un elevato grado di accettazione delle norme da parte di tutti gli utenti della strada. Il rischio di essere coinvolti in un incidente stradale può essere ridotto in modo duraturo, in particolare attraverso una partecipazione preventiva e difensiva al traffico.

Condividi pagina