Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Prevenzione degli incidenti con i sistemi di assistenza alla guida

giu 2018

Tecnologia Dei Veico

Già questi pochi fatti relativi alla Germania, sono più o meno simili in molte parti del mondo, sottolineano la necessità di contromisure durature. Ad esempio, per quanto riguarda gli incidenti in coda degli ingorghi, che rappresentano un grave rischio per gli occupanti dei veicoli. Soprattutto la partecipazione di autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada porta ad avere passeggeri gravemente feriti e morti. Se un autocarro con una differenza di velocità alta urta un’autovettura ferma o lenta, si possono prevedere deformazioni estreme nel caso di un’autovettura. Spesso più veicoli sono spinti l’uno nell’altro. Quando un autocarro colpisce un altro autocarro, gli occupanti di quest’ultimo subiscono spesso le lesioni più gravi. Ma anche l’impatto di un’auto su un autocarro relativamente lento o fermo finisce spesso mortale per gli occupanti dell’auto.

Le ottimizzazioni nel campo della compatibilità delle strutture del veicolo possono aiutare in una certa misura. Tuttavia, con l’aumentare della differenza di velocità, i limiti fisici vengono rapidamente impostati. Considerate le grandi masse di veicoli commerciali pesanti, le misure di sicurezza passiva volte a ridurre le conseguenze degli incidenti hanno un potenziale limitato. Si possono quindi ottenere miglioramenti efficaci soprattutto nel settore della prevenzione degli incidenti o della riduzione della loro gravità mediante l’uso di sistemi di assistenza alla guida. L’obiettivo è quello di riportare i conducenti distratti nella realtà della situazione del traffico in modo adeguato e tempestivamente e – immediatamente prima che una collisione diventi inevitabile – di avviare automaticamente la frenata. I potenziali benefici sono già stati esaminati più volte negli ultimi anni. Ad esempio, nel loro studio “Automated Trucks – The next big disruptor in the automotive industry?” del 2016, gli esperti di veicoli commerciali di Roland Berger, una società di consulenza strategica e gestionale, hanno previsto che i sistemi intelligenti di assistenza alla guida potrebbero ridurre il numero di tamponamenti di oltre il 70%.

Maggiori conoscenze sui limiti dei sistemi

In linea di principio, tutti i sistemi di sicurezza automatici devono soddisfare requisiti elevati. Le “false attivazioni” pericolose o che disturbano comportano una perdita di fiducia del conducente e, nel peggiore dei casi, il sistema viene semplicemente spento. In situazioni critiche, è richiesta la piena funzionalità, ma al tempo stesso il conducente deve avere la possibilità di annullare i sistemi in qualsiasi momento per motivi legali.

Altrettanto importante quanto la conoscenza della funzionalità dei sistemi di assistenza è che i conducenti conoscano e comprendano il loro spettro di prestazioni e, soprattutto, i loro limiti. Tuttavia, è anche chiaro che le leggi fisiche non possono essere invalidate da tali sistemi. Non aumentano le prestazioni di frenata, né possono ridurre lo spazio di frenata su strade bagnate o scivolose. Tuttavia, essi garantiscono che i conducenti siano avvertiti in situazioni critiche al fine di adottare essi stessi le contromisure necessarie o, in caso contrario, che i freni vengano azionati.

Ad esempio, se il sistema reagisce con un movimento dello sterzo per sviare senza premere il pedale del freno, di solito si spegne perché si verifica una reazione eccessiva del conducente. Se a questo punto le funzioni e i limiti del sistema non sono sufficientemente noti, vi è il rischio che i conducenti facciano affidamento sulla frenatura automatica e sterzino solo per l’azione di sviamento, senza premere contemporaneamente il pedale del freno. Un deficit di informazione che può avere gravi conseguenze.

Un gioco rischioso con lo spegnimento dei sistemi

In caso di incidenti gravi in coda di un ingorgo stradale, molti conducenti sono spesso accusati di aver deliberatamente disattivato il dispositivo automatico di assistenza alla frenata d’emergenza. A tal fine non sono disponibili dati statistici affidabili, ma sarebbero auspicabile per scopi di ricerca sugli incidenti. Da un’indagine condotta dalla Ricerca degli Incidenti di DEKRA tra i conducenti di camion risulta che solo una minima parte dei sistemi è spenta. Tuttavia, è sorprendente che il sistema AEBS sia spesso equiparato al sistema di controllo della distanza (ACC). Mentre un AEBS frena solo quando è inevitabile una collisione, il controllo della distanza frena il veicolo non appena non viene raggiunta la distanza minima impostata dal veicolo che lo precede. Questi interventi frenanti sono sempre percepiti come fastidiosi quando un veicolo in sorpasso si avvicina al proprio veicolo commerciale. Se poi entrambi i sistemi vengono spenti per ignoranza, il guadagno di sicurezza dell’AEBS decade.

Senza dubbio, vi sono applicazioni e situazioni in cui è anche necessario uno spegnimento a breve termine, in particolare per gli AEBS più vecchi. Con i sistemi della generazione attuale, tuttavia, questo non è necessario, dal momento che molte fonti di errore sono escluse dalla tecnologia ottimizzata. DEKRA sostiene con forza l’esigenza che i sistemi si riaccendano automaticamente dopo pochi secondi.

La cintura di sicurezza rimane importante

Sia controllo elettronico della stabilità, assistenza alla frenata d’emergenza, avviso di deviazione dalla corsia o sistema di mantenimento della corsia: dal punto di vista della ricerca sugli incidenti non vi è dubbio che tali sistemi di assistenza alla guida aumentano in modo significativo la sicurezza stradale dei veicoli commerciali e servono quindi a proteggere tutti coloro che sono coinvolti in incidenti. Le sempre nuove tecniche di sicurezza e i sistemi di assistenza alla guida non si possono nascondere: l’uso delle cinture di sicurezza è ancora la misura più importante per ridurre il rischio di lesioni gravi per gli occupanti dei veicoli. Ciò vale per tutte le classi di veicoli e quindi naturalmente anche per i veicoli commerciali pesanti.

Sebbene negli ultimi anni il numero di camionisti che indossano le cinture di sicurezza sia aumentato, secondo i dati dell’Ufficio federale tedesco per la rete stradale ad esempio, in Germania è ancora inferiore con il 90% rispetto alle autovetture con il 98%. Un’indagine condotta da DEKRA nel 2014 ha rivelato una quota di circa il 67% per gli occupanti di veicoli commerciali di peso superiore alle 12 tonnellate. I ricercatori stimano che almeno la metà dei conducenti di autocarri senza cintura allacciata che hanno subito lesioni mortali in caso di incidente sarebbe sopravvissuta allacciando le cinture di sicurezza. Le ricerche sugli incidenti hanno inoltre dimostrato che la cintura ridurrebbe o addirittura preverrebbe le lesioni degli occupanti dei veicoli commerciali fino all’80% di tutti gli incidenti gravi. Considerando che il veicolo commerciale è di solito anche il luogo di lavoro del conducente, c’è anche l’aspetto della sicurezza sul lavoro.

In quanto sistema di ritenuta del veicolo, la cintura protegge gli occupanti in condizione agganciata dal lancio e dall’espulsione dal veicolo. Grazie al collegamento diretto con la carrozzeria, l’effetto della zona deformabile va a completo vantaggio degli occupanti con cintura. La combinazione di un’estensibilità definita delle cinghie con tendicinghia e limitatori di tensione fa sì che i valori di decelerazione per gli occupanti con cintura rimangano accettabili anche in caso di collisioni gravi. Anche gli altri componenti dei dispositivi di sicurezza passiva, come gli airbag, sono concepiti per gli occupanti con cintura e possono dispiegare il loro potenziale di protezione ottimale solo quando la cintura di sicurezza è allacciata.

Condividi pagina