Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Tendenza generalmente positiva nello sviluppo di incidenti

giu 2018

notizie e azioni

La situazione attuale e i vari scenari futuri pongono tutta una serie di sfide per la sicurezza stradale, in particolare per i camion e i furgoni. L’aumento del chilometraggio, in particolare dei veicoli commerciali pesanti, aumenta sia la probabilità che l’individuo sia coinvolto in un incidente sia la sua importanza per l’intero incidente. Tuttavia, la tendenza fondamentale è positiva: grazie agli enormi progressi compiuti dai costruttori in settori quali i sistemi di assistenza alla guida, negli ultimi anni il numero di vittime di incidenti stradali è diminuito in modo significativo in tutta l’UE. Mentre nel 2006 ci sono stati 7.233 morti per incidenti stradali in questo settore, secondo gli ultimi dati della Commissione Europea questa cifra scese di oltre il 47% a 3.848 fino il 2015 (Figura 7). Si tratta di circa il 15% di tutti i decessi stradali nella UE, una percentuale che negli ultimi anni è rimasta pressoché invariata. Negli Stati Uniti, il numero di morti è diminuito di quasi il 20%, passando da 5.027 a 4.067 nello stesso periodo. In Germania, il calo è di circa il 34%, da 1.197 a 787, per il 2016 le statistiche mostrano 745 morti in incidenti stradali che coinvolgono veicoli per il trasporto merci su strada – un altro 4% in meno.

Nel complesso, il numero di coinvolti in incidenti è relativamente basso, ancor più se rapportato ai chilometri percorsi dal veicolo. Ciò è già dimostrato da alcune cifre pubblicate dall’Ente federale di statistica in Germania: nel 2016 la polizia ha registrato 308.145 incidenti stradali con lesioni alle persone, 211.460 dei quali causati da automobilisti e 19.022 da conducenti di veicoli commerciali. Secondo l’Autorità federale tedesca per i trasporti a motore, gli automobilisti in Germania hanno percorso più di 625,5 miliardi di chilometri nel 2016, i conducenti di veicoli commerciali 80,5 miliardi di chilometri. Ciò significa che: ogni 2,96 milioni di chilometri nel 2016 si è verificato un incidente con lesioni alle persone a un conducente di un’autovettura e ogni 4,23 milioni di chilometri a un conducente di un veicolo commerciale.

Tuttavia: se gli autoveicoli stradali per il trasporto di merci sono coinvolti in incidenti che causano lesioni alle persone, gli incidenti con morti sono sproporzionatamente frequenti. Ciò è dovuto alla maggiore massa e alla minore compatibilità dei veicoli adibiti al trasporto di merci rispetto agli altri utenti della strada. Inoltre, nel caso di veicoli stradali per il trasporto di merci di grandi dimensioni e pesanti, vi è un ulteriore pericolo derivante da ampie aree che non possono essere viste dal conducente. I pedoni e i ciclisti in particolare sono particolarmente a rischio in questo caso.

Ampliare ulteriormente l’elevato livello di sicurezza

La tendenza complessivamente positiva è attribuibile ad un gran numero di fattori. Senza dubbio, i sistemi di assistenza alla guida già citati svolgono un ruolo in questo senso. I veicoli commerciali hanno un ruolo pionieristico al riguardo. Tecnologie quali la frenata a controllo elettronico e i sistemi di frenata d’emergenza sono state utilizzate per la prima volta in questa categoria di veicoli prima di entrare a far parte delle possibili dotazioni dell’automobile. La loro efficacia è fuori discussione. Ad esempio, in una prova sul campo con oltre 1.000 veicoli, l’Associazione tedesca per la logistica del trasporto su strada e la gestione dei rifiuti, l’Associazione di assicurazione responsabilità civile per i trasporti e l’industria dei trasporti e l’assicurazione Kravag, hanno dimostrato che gli autocarri dotati di sistemi di assistenza alla guida hanno una probabilità di incidenti inferiore del 34% rispetto a veicoli di riferimento simili. Tuttavia, al momento questi sistemi possono essere disattivati manualmente. Se ciò sia nell’interesse della sicurezza stradale è giustamente oggetto di un acceso dibattito. Dopotutto, a cosa serve un sistema offline in caso di emergenza? La questione è discussa in dettaglio nel capitolo Tecnologia dei veicoli del presente rapporto.

Lo stesso vale per il collegamento in rete sempre più intenso dei veicoli commerciali, da un lato, con le infrastrutture che li circondano e, dall’altro, tra loro. La connettività determinerà il futuro del settore automobilistico, il collegamento in rete di diversi autocarri per formare una cosiddetta carovana è considerato come una delle idee innovative per il trasporto merci di domani e segna un passo importante verso la guida autonoma. L’obiettivo è rendere il traffico stradale più efficiente e sicuro e ridurre il carico di lavoro del personale di guida.

Oltre alla tecnologia dei veicoli e alle infrastrutture evidenziate anche nel presente rapporto, le persone che si trovano a bordo dei veicoli commerciali svolgono un ruolo centrale nella sicurezza stradale. Dato che quasi il 90% di tutti gli incidenti in Europa è dovuto a errori umani, è di fondamentale importanza sensibilizzare i conducenti professionisti a questo problema. La cosiddetta direttiva europea sui “conducenti professionisti” 2003/59/CE del 15 luglio 2003 “sulla qualificazione iniziale e formazione periodica dei conducenti di taluni veicoli stradali adibiti al trasporto di merci o passeggeri” ha già avuto molti effetti positivi al riguardo. Tuttavia, ci sono ancora molti “cantieri” su questo argomento, che sono discussi in un capitolo a parte.

Alla fine, l’interazione efficiente di diversi fattori sarà decisiva per una maggiore sicurezza stradale, in particolare per gli autoveicoli adibiti al trasporto di merci. Il potenziale di un camion o di un furgone ottimizzato per il veicolo e dotato di tutti i sistemi di assistenza alla guida disponibili può essere sfruttato in modo ottimale solo se l’infrastruttura o le condizioni della strada sono adatte, se il collegamento in rete funziona e se il conducente svolge il suo lavoro in modo affidabile. Allo stesso tempo, sono necessari nuovi metodi di trasporto combinato per alleggerire l’onere gravante sulle strade. Ciò che conta in dettaglio in tutti questi punti è il focus di quello che ora è l’undicesimo rapporto DEKRA sulla sicurezza stradale.

Condividi pagina