Il tuo browser è obsoleto.

Internet Explorer non è più supportato. Utilizza un altro browser per una migliore qualità del sito web.

Tendenza positiva – ma incidenti ancora tragici

giu 2018

Accidents

I dati relativi agli incidenti, compresi quelli degli Stati membri dell’Unione europea, sono molto chiari: i veicoli per il trasporto merci su strada sono molto migliori della loro reputazione, il numero di incidenti è relativamente più basso rispetto alle autovetture. Tuttavia, tenuto conto dello stock, del chilometraggio più elevato e della maggiore presenza sulle strade, è più probabile che i conducenti stessi siano coinvolti in un incidente oltre sei volte di più rispetto agli altri utenti della strada.

“Incidente di un mostro in autostrada”, “Camion in coda ad un ingorgo si schianta senza frenare”, “Tre morti dopo un incidente con un camion fantasma”, “Famiglia schiacciata tra due camion” e molti altri titoli. I mezzi di comunicazione riferiscono regolarmente di incidenti in cui sono rimasti gravemente ferite o hanno perso la vita molte persone a bordo di veicoli commerciali. Tuttavia, nonostante la tragedia per le persone colpite, questi casi non devono nascondere una cosa: in termini di chilometraggio, gli autoveicoli adibiti al trasporto di merci sono molto meno coinvolti in incidenti che causano lesioni alle persone rispetto alle autovetture.

Le cifre che seguono dalla Germania ne sono una prova impressionante: secondo l’Autorità federale tedesca per i trasporti a motore (KBA), nel 2016 il chilometraggio annuo delle autovetture in Germania è stati di circa 625 miliardi di chilometri e quello degli autoveicoli per il trasporto di merci di circa 82 miliardi di chilometri. Nel 2016, un totale di 381.000 automobilisti e 32.000 conducenti di veicoli adibiti al trasporto di merci su strada sono stati coinvolti in un incidente con lesioni alle persone. Ne consegue che: statisticamente, 390 veicoli adibiti al trasporto di merci sono stati coinvolti in incidenti con lesioni alle persone per miliardo di veicoli per chilometro; la cifra comparabile per le autovetture è di 610. Come negli anni precedenti, anche nel 2016 il rischio di essere coinvolti in incidenti con lesioni alle persone legato al chilometraggio è stato di circa 1,5 volte superiore per le autovetture rispetto agli autoveicoli adibiti al trasporto di merci su strada.

Lo sviluppo complessivamente positivo dei veicoli adibiti al trasporto di merci su strada è sostenuto anche dai seguenti dati della Germania: rispetto al 2000, anno in cui circa 48.500 conducenti di veicoli adibiti al trasporto di merci sono stati coinvolti in incidenti con lesioni alle persone, questa cifra è diminuita del 33% nel 2016. Durante questo periodo, tuttavia, il chilometraggio è aumentato di circa il 40%.

CASISTICA DEGLI INCIDENTI NELL’UE

Se si considerano i dati concreti relativi agli incidenti, si conferma la tendenza sostanzialmente positiva che si registra da anni in molte parti del mondo. Negli Stati membri dell’UE, ad esempio, il numero di morti in incidenti che coinvolgono veicoli commerciali di oltre 3,5 tonnellate è sceso da 7.233 nel 2006 a 3.848 nel 2015 ( Figure 8 e 9), ossia di circa il 47%. All’epoca quasi il 15% di tutti i circa 26.000 decessi stradali avvenuti nell’UE. Italia (-78%), Spagna (-60%) e Grecia (-59%) sono i paesi leader in termini di calo nello stesso periodo.

Bandiera eu

Decessi dovuti a incidenti stradali in cui sono coinvolti veicoli adibiti al trasporto di merci in alcuni Stati membri selezionati dell’UE e nell’UE nel suo complesso

Fonte: Commissione europea, banca dati CARE, dati maggio 2017

Le cifre sono quindi in forte calo, ma la percentuale di vittime di incidenti stradali nell’UE rispetto a tutti i decessi di veicoli commerciali è rimasta più o meno allo stesso livello per anni. Le controparti più frequenti degli incidenti sono le autovetture – anche in questo caso non vi sono state modifiche da anni – che si rifletteranno anche sui 1.908 passeggeri morti in incidenti in cui sono stati coinvolti mezzi di trasporto merci nel 2015. Nel 2015, il 15% delle vittime di questi incidenti erano pedoni, il 13% erano gli occupanti degli stessi veicoli adibiti al trasporto di merci su strada. Anche quest’ultimo dovrebbe essere oggetto di riflessione, perché probabilmente nell’Unione europea non esiste un’altra categoria professionale che abbia sul posto di lavoro un numero di feriti mortalmente pari a quello dei conducenti professionisti.

Il 55% delle vittime di incidenti con mezzi di trasporto merci sono rimaste uccise sulle strade statali, il 25% nelle aree urbane e il 19% sulle autostrade. Notevole anche: nel 2015 la percentuale di occupanti di veicoli pesanti adibiti al trasporto di merci deceduti fuori dalle aree urbane fu dell’86% nell’UE, significativamente superiore a quella di altri utenti della strada.

Parola chiave furgone: la maggior parte dei paesi registra un numero di feriti mortali maggiore nei veicoli commerciali fino a 3,5 tonnellate rispetto agli autocarri più pesanti. Le uniche eccezioni, con deviazioni significative, sono la Lettonia e la Slovacchia. Nei vari paesi il numero medio registrato di feriti mortali nei veicoli commerciali fino a 3,5 tonnellate è di 1,8 volte superiore a quello degli autocarri più pesanti. La Danimarca rappresenta un valore estremo con un fattore 7,8. Il maggior dato dei furgoni è senza dubbio dovuto anche al maggior numero di furgoni che partecipano al traffico stradale. Nel complesso, i dati CARE disponibili per questa valutazione dettagliata per il periodo 2001-2010 mostrano una diminuzione del numero di occupanti deceduti. Il calo è stato del 41,6% per i camion pesanti e del 35,3% per i furgoni. Per gli anni successivi al 2010, le lacune nei dati sono troppo grandi per fare una stima più precisa.

Studi europei sulle cause degli incidenti

Se si vogliono approfondire i dettagli a livello internazionale in caso di incidenti che coinvolgono veicoli adibiti al trasporto di merci su strada, ci si rende rapidamente conto che statistiche uniformi sono disponibili solo in misura molto limitata. Dopo tutto, alcune organizzazioni nell’ambito di eSafety (HDV Work group Heavy Duty Vehicles) hanno cercato anni fa di identificare le situazioni di incidente che presentano un’elevata percentuale di incidenti in Europa. La deviazione dalla corsia di marcia, l’impatto su un autocarro davanti, l’urto frontale con un’auto in arrivo, l’urto laterale con un’auto e l’urto con un pedone o un ciclista rappresentano tra il 40 e il 62% di tutti gli incidenti

Lo studio ETAC (ETAC = European Truck Accident Causation) dell’Unione internazionale dei trasporti su strada (IRU), pubblicato nel 2007, fornisce anche informazioni interessanti sulle principali cause di incidenti che coinvolgono gli automezzi pesanti nell’UE. Secondo lo studio, il 27% degli incidenti è costituito da incidenti in un incrocio, circa il 21% da tamponamenti, il 20% da incidenti per deviazione di corsia e poco più dell’11% da manovre di sorpasso. Le cause principali degli incidenti in un incrocio sono il mancato rispetto del diritto di precedenza e della velocità non adeguata, in caso di tamponamento la velocità non adeguata e la distanza insufficiente, in caso di incidenti dovuti alla deviazione dalla corsia la velocità non adeguata e l’affaticamento, in caso di incidenti dovuti a manovre di sorpasso la disattenzione e l’affaticamento.

Incidenti in Germania

Numerosi indicatori a livello dell’UE si riflettono anche negli incidenti sulle strade tedesche. Secondo l’Ente federale di statistica, nel 2016 si sono verificati complessivamente 29.353 incidenti in cui è stato coinvolto almeno un autoveicolo stradale per il trasporto di merci. In totale, nel 2016, 32.352 conducenti di veicoli adibiti al trasporto di merci sono stati coinvolti in incidenti con lesioni alle persone, di cui il 48,6% su strade urbane, il 26,6% su strade statali e il 24,8% su autostrade. Come indicato dall’Ente federale di statistica nel suo rapporto annuale sugli incidenti per il 2016, il diverso utilizzo dei veicoli risulta evidente se si considera il luogo in cui si è verificato l’incidente. Mentre nel caso dei piccoli autocarri, ad esempio nel traffico di distribuzione o nel commercio, gli incidenti urbani dominano con circa il 60% delle persone coinvolte, i conducenti di autoarticolati con una quota di poco inferiore al 50% sono stati più frequentemente coinvolti in incidenti sulle autostrade.

In totale, 745 persone hanno perso la vita in incidenti in cui erano coinvolti mezzi di trasporto merci – circa il 23% di tutti i decessi in incidenti stradali. Rispetto all’anno precedente, si tratta di 42 persone, ovvero del 5,3% in meno. Il numero di feriti gravi è sceso dello 0,8% a 7.278, mentre il numero di feriti lievi è aumentato dello 0,4% a 32.234. Dei 745 morti, 355 (= 47,5%) hanno perso la vita sulle strade statali, 206 (= 27,5%) sulle autostrade e 184 (= 25%) nelle aree urbane. La ripartizione delle vittime per tipo di traffico stradale mostra che, a causa delle dimensioni e della massa degli autoveicoli stradali per il trasporto di merci, le conseguenze degli incidenti sono generalmente molto più gravi per l’altra parte che per gli stessi utenti degli autoveicoli stradali per il trasporto di merci. Tra i feriti in incidenti stradali avvenuti nel 2016, 9.483 sono stati passeggeri di mezzi di trasporto merci e 30.774 altri utenti della strada. Di questi morti 133 erano passeggeri di autoveicoli stradali per il trasporto di merci e 612 erano di nuovo altri utenti della strada. Il rischio di decesso in un “incidente stradale con autocarro” è quindi più che quadruplicato per le altre parti coinvolte nell’incidente, compresi i passeggeri, che per gli occup ti di un autoveicolo stradale per il trasporto di merci.

La controparte principale dell’incidente è l’auto

Secondo l’Ente federale di statistica, per il 5,8% dei 29.353 incidenti in cui sono stati coinvolti mezzi di trasporto merci si sono verificate lesioni personali, in cui 35 occupanti sono rimasti uccisi da mezzi di trasporto merci. In 21.550 incidenti (= 73,4%), tuttavia, si è verificato un altro incidente, in cui almeno tre utenti della strada sono stati coinvolti ogni cinque incidenti in cui è stato coinvolto un autoveicolo stradale per il trasporto di merci. La controparte più frequente negli incidenti che hanno coinvolto due persone è stata un’autovettura (13.194), che ha causato la morte di 207 occupanti e dieci passeggeri di veicoli adibiti al trasporto di merci su strada. Inoltre, nel 2016 96 pedoni, 77 ciclisti e 51 utenti di motocicli sono morti in incidenti in cui erano coinvolti veicoli adibiti al trasporto di merci su strada. In 1.268 incidenti, anche la controparte era un veicolo stradale per il trasporto di merci – 55 utenti di veicoli stradali per il trasporto di merci sono morti.

Complessivamente, poco meno del 60% di tutti i conducenti coinvolti in un incidente stradale causato da un veicolo merci sono stati considerati la causa principale di un incidente con lesioni alle persone. Ma anche qui c’è una vasta gamma: tra i conducenti di un piccolo camion, il 64,4% è stata la causa principale dell’incidente, mentre tra i conducenti di autoarticolati solo il 50,6%. Gli errori più frequenti attribuiti ai conducenti di veicoli per il trasporto di merci su strada sono stati gli errori di distanza con circa il 20%, seguiti da errori durante la “svolta, inversione, retromarcia, immissione e messa in funzione” con il 16,8%, errori di precedenza, priorità con l’11,2% e “velocità non adeguata” con il 10,4%.

Bandiera della Germania

Incidenti con lesioni alle persone tra un autoveicolo stradale per il trasporto di merci e un’altra persona coinvolta nell’incidente 2016

Usa i pulsanti colorati per mostrare e nascondere i dati. Si noti che i valori assoluti reali possono mostrare deviazioni minime (<1%).
Fonte: Ente federale di statistica

Bandiera della Germania

Comportamento scorretto dei conducenti di autoveicoli stradali per il trasporto di merci in caso di incidenti con lesioni alle persone 2016

Usa i pulsanti colorati per mostrare e nascondere i dati. Si noti che i valori assoluti reali possono mostrare deviazioni minime (<1%).
Fonte: Ente federale di statistica

Condividi pagina