Vedere ed essere visti

mag 2019

Infrastructture

Display di avvertimento

I capitoli precedenti di questo rapporto hanno chiarito che il fattore umano e la tecnologia dei veicoli sono fondamentali per la sicurezza stradale. Altrettanto indispensabile, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza dei bambini, è un‘infrastruttura funzionante ed efficiente. Tra le altre cose, è importante limitare al minimo il rischio di incidenti attraverso misure inerenti la regolazione del traffico e la costruzione di strade e, idealmente, escludere completamente determinati scenari di incidenti. Per quanto riguarda la progettazione dell‘ambiente stradale, occorre tener conto inoltre, per quanto possibile, delle capacità e dei limiti del comportamento dei bambini per strada.

Ad esempio, al fine di migliorare ulteriormente la sicurezza sulle strade urbane, molte città e paesi hanno già creato zone a traffico limitato anni fa, in cui guidare a passo d‘uomo e si presta reciproca considerazione tra pedoni, ciclisti e automobilisti. In un senso più ampio, queste zone includono anche le cosiddette zone d‘incontro, dove nessuno può superare i 20 km/h. Le zone pedonali sono state introdotte in Germania alla fine del 1970 e vengono disciplinate dalle regole del codice stradale dal 1980. Norme analoghe esistono in Europa, ad esempio in Austria, Francia, Belgio e Svizzera.

Tuttavia, va ricordato che tali concetti non sono una panacea. Applicati in modo mirato, forniscono un contributo prezioso per aumentare la sicurezza stradale, oltre a permettere di ridurre i flussi di traffico rallentato, liberare aree critiche davanti ad asili e scuole e creare aree di movimento sicure per i pedoni, e in particolare per i bambini che giocano. Anche un numero eccessivo di aree a traffico limitato rappresenta dei rischi. I bambini che crescono in tali aree trovano difficoltà a interagire con i pericoli del normale traffico. Allontanarli dal loro comportamento abituale domestico e trasferirli sulle strade di altre zone senza limitazioni di traffico può causare situazioni pericolose. Poiché la limitazione di velocità si applica anche ai ciclisti, dispongono anche di interessanti percorsi alternativi per le strade principali dominate dal traffico automobilistico.

Maggiore sicurezza nel tragitto casa- scuola

Misure infrastrutturali efficienti come percorsi pedonali e ciclabili sicuri, nonché limitazioni di velocità o zone con limite di 30 km/h per il traffico motorizzato, sono particolarmente importanti nell’area di asili e scuole. I cosiddetti dialog display si sono rivelati molto efficaci. Per indicare agli automobilisti la velocità attuale, il segnale viene integrato, ad esempio, con un volto dall‘aspetto felice o triste. L‘esperienza ha dimostrato più e più volte che il riferimento diretto a comportamenti spericolati, associato a una rappresentazione emotiva, o anche un apprezzamento diretto o visivo di altro tipo per aver rispettato i limiti di velocità, sono spesso molto più efficaci e sostenibili rispetto alle sanzioni per eccesso di velocità, specialmente in aree soggette a lievi superamenti.

In tal senso, risulta interessante il progetto dell‘istituto Fraunhofer per i trasporti e i sistemi di infrastrutture (IVI). Il progetto, premiato con il premio tedesco alla mobilità 2017, si intitola “FAPS - Fraunhofer IVI Accident Prevention School” e si concentra sui rischi degli incidenti nei tragitti quotidiani casa-scuola. L‘idea alla base è far affrontare agli studenti reali scenari di incidenti nelle immediate vicinanze della loro scuola, al fine di aumentare la consapevolezza delle situazioni pericolose. L‘obiettivo dichiarato prevede di evitare incidenti attraverso l’adozione comportamenti preventivi. A tale scopo, Fraunhofer IVI sfrutta le possibilità offerte dagli Smart Data: in base alla posizione geografica della scuola partecipante, vengono estratti dati accurati dai database degli incidenti delle autorità e messi a disposizione per il lavoro del progetto. Per massimizzare l‘apprendimento, gli studenti sviluppano le tipiche situazioni di incidente in cui possono rimanere coinvolti, oltre all‘ubicazione delle aree soggette a incidenti nel loro ambiente scolastico, il rischio specifico di incidenti per pedoni e ciclisti o bambini e adolescenti, nonché il rapporto visivo durante l‘incidente nello spazio virtuale.

In considerazione del fatto che l‘educazione alla sicurezza stradale può ancora essere significativamente migliorata a livello primario e secondario in tutta Europa, come affermato dall’European Transport Safety Council (ETSC) nel suo rapporto di gennaio 2019 “The Status of Traffic Safety and Mobility Education in Europe”, un progetto che sfrutta le risorse contemporanee e incoraggia la partecipazione attiva come “FAPS – Fraunhofer IVI Accident Prevention School” non può essere sopravvalutato. In questo contesto, anche le città e le comunità di tutto il mondo non dovrebbero rallentare i loro sforzi per la creazione di piani relativi ai tragitti casa-scuola. Questi piani, solitamente sviluppati in collaborazione con polizia, autorità stradali e scuole, riassumono sistematicamente i punti di pericolo e le informazioni importanti per la scelta del tragitto da intraprendere per andare a scuola. Così, per esempio, si identificano punti di attraversamento particolarmente adatti, luoghi pericolosi, la gestione del traffico nelle singole strade, fermate degli autobus e dei treni, strisce pedonali, semafori, spartitraffico e altre misure strutturali, postazioni degli agenti ausiliari per l’attraversamento od ostacoli nell‘area di attraversamento, come auto in sosta, cespugli e alberi.

Attenzione alla fermata del bus

Quando si tratta di incidenti nel tragitto casa-scuola, l‘ambiente delle fermate degli autobus o degli scuolabus merita di essere ricordato. Questo perché può essere scenario di situazioni pericolose. Con un minimo di attenzione in più da parte dei bambini e di considerazione da parte degli altri utenti della strada, molte di queste situazioni a volte pericolose potrebbero essere evitate, soprattutto perché gli scuolabus sono contrassegnati come tali nella maggior parte dei Paesi del mondo. Si passa da veicoli appositamente progettati per il trasporto scolastico con un colore appariscente, chiara riconoscibilità e numerosi dispositivi di segnalazione, come quelli usati per esempio in Nord e Sud America, Australia, Nuova Zelanda o in Africa, fino ai “normali” autobus per il trasporto dei passeggeri in orario extrascolastico. In Germania, ad esempio, gli scuolabus e i veicoli attualmente utilizzati per il trasporto degli studenti devono essere contrassegnati con un simbolo corrispondente sulla parte anteriore e posteriore. La visibilità non deve essere limitata da altre scritte o simboli. Inoltre, l‘articolo 20 del codice di circolazione stradale tedesco (StVO) impone in genere, a tutti gli automobilisti, di evitare di superare autobus di linea o tram e scuolabus in sosta alle fermate, anche in senso contrario. In altri Paesi, il superamento degli scuolabus in sosta in entrambe le direzioni è generalmente vietato.

In Germania, si applica la regola che autobus o scuolabus identificati che si avvicinano alla fermata e hanno acceso le luci di segnalazione non devono essere superati. Se rimangono alla fermata e mantengono le luci di segnalazione accese, è possibile superarli solo a passo d‘uomo, e solo a una distanza tale, nel rispetto delle norme del codice della strada, da escludere un pericolo per passeggeri e pedoni. Tale limite di velocità si applica anche al traffico in arrivo sulla stessa corsia. Tuttavia, questa norma si applica a tutti gli scuolabus o autobus di linea, non solo agli scuolabus. In generale, in qualità di conducente di un veicolo a motore, bisognerebbe sempre essere pronti a frenare con uno scuolabus in sosta, e a regolare la velocità in modo da ridurre al minimo fin da subito la possibilità di mettere in pericolo i bambini.

Naturalmente, gli stessi bambini dovrebbero seguire alcune regole. La regola più importante da tenere a mente è: non attraversare mai la strada davanti o dietro un autobus in sosta. Meglio aspettare fino a quando l‘autobus sarà ripartito. Solo allora è davvero possibile vedere se la strada è libera ed è possibile attraversare in sicurezza. Al fine di evitare situazioni pericolose, è inoltre importante arrivare alla fermata con sufficiente anticipo. Perché chi arriva in ritardo tende ad attraversare la strada rapidamente senza prestare attenzione al traffico, mettendosi quindi in pericolo.

È fondamentale prestare poi attenzione anche mentre si aspetta l‘autobus. Le persone in attesa dovrebbero mantenere almeno un metro di distanza dal cordolo, poiché il bus oscilla leggermente all’arrivo e alla ripartenza. Se la fermata è protetta da barriere, bisognerà attendere dietro le sbarre in modo da non rimanere intrappolate tra le sbarre e l‘autobus. Al momento di salire, è fondamentale ricordarsi di: lasciar scendere prima di salire! Inoltre non spingere, perché spesso questo comporta inciampi o addirittura cadute.

Per sensibilizzare gli alunni sulle più importanti regole di comportamento quando viaggiano in autobus, DEKRA utilizza da anni un autobus a pianale ribassato come veicolo di addestramento in Germania. Con questo crash test fittizio e altra apparecchiatura può mostrare i pericoli associati a una brusca frenata e in caso di avvicinamento eccessivo alle ruote del bus.

Sicurezza “to go”

Oltre a infrastrutture della massima qualità possibile, con strade intatte e ben illuminate, controllo della velocità nei punti più pericolosi, un‘adeguata segnaletica in prossimità di asili e scuole e molte altre misure, anche i bambini contribuiscono a garantire la propria sicurezza sulla strada: ad esempio, indossando abiti ad alto contrasto con elementi retroriflettenti, comprese scarpe e zaini. Questo rende più facile per gli automobilisti individuare la presenza di bambini, specialmente al crepuscolo, al buio o in penombra.

DEKRA aveva già lanciato nel 2004 una misura semplice ma molto efficace per proteggere i bambini sulla strada: la campagna “La sicurezza richiede cervello”. In tal senso molte filiali dell‘organizzazione di esperti distribuiscono cappellini di sicurezza rossi soprattutto agli alunni di prima elementare, informandoli sui pericoli e sul comportamento corretto da tenere in strada. I cappellini garantiscono una duplice sicurezza: alla luce del giorno, il colore rosso attira l‘attenzione degli automobilisti sui più piccoli, mentre al crepuscolo o al buio, la striscia riflettente tutt’intorno assicura una chiara visibilità dei bambini. Dal 2004, in Germania sono stati distribuiti circa 2,5 milioni di cappellini e anche le filiali internazionali di DEKRA, ad esempio in Svezia, Polonia, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia o Sud Africa, partecipano alla campagna. Per inciso, è disponibile anche una versione per la stagione fredda, in modo che i bambini non siano solo visibili, ma abbiano anche le orecchie al caldo.

Condividi pagina